Uaragniaun è presente nelle compilation…

1- AtlanteCD2 - Ninnanni3 - Geoworld4 - roug5 - 1799 copia6 - Popularia27 - folk

Atlante di Musica Tradizionale Italia 2 (Robi droli) 1997.
Ninnanni (EDT – WM016) 2000.
Geo World (BMG France) 2000.
The Rough Guide To The Music Of Italy (World Music Network) 2000.
1799-1999 Giacobini & Sanfedisti (Piazza edizioni) 2001.
Popularia, Raccolta 2000 (Città di Manduria 2001)
Folk geneticamente modificato (libro + CD) (Stampa AlternativaISBN: 767-6) 2003.
Soffi d’ancia (RdiciMusic Records) 2005.
Tribù Italiche Puglia (World Music Magazine EDT) 2007.
In Terra Zapatista (Radio Onda D’Urto) 2007
Bar Italia: Classic and New Italian Flavours (Nascente) 2008
Atlante di Musica Tradizionale Italia 4 (Felmay) 2011.
World Music from Puglia 2013 (Puglia Sounds) 2013

Affetti Sonori (Libro+CD, Associazione Culturale Mantice) 2016

8 - Soffiancia9 - Tribù italiche Puglia210 - InTerraZapatista211 - Bar Italia8149 libretto.indd13 - PugliaSound2013Civitella

I brani dei Uaragniaun sono presenti su film, video e documentari…

La musica e le canzoni prodotte dal gruppo sono presenti in vari CD Rom, film, documentari, video clip e in numerosi video di vario tipo.

Federico Aqua MaterRoba forestiera Grano1 Circolo Zampogna Io non ho la testa Pretexo Andaluso Ma che storia... Una terra strana Una terra strana Le sacre pietre della BasilicataTribeStorieDiPietraDocufilm

Ne segnaliamo quelli che riteniamo più rappresentativi… E certamente ce ne è sfuggito qualcuno… Non sono elencati i numerosi servizi RAI o di altre TV in cui è presente la nostra musica.

La città di Federico – documentario su Altamura, a cura di Silvio Teot e Gianfranco Loiudice.

Roba forestiera – docufilm sui Sassi di Matera, di Silvia Holzinger e Peter Haas.

Aqua Mater – video-frammenti di un percorso creativo, a cura di Francesca Zanini.

Da nascene de reine a na fedde de ciallèdde – docufilm sul pane di Altamura, a cura del 5° Circolo Didattico S. rancesco d’Assisi di Altamura.

15 anni dalla parte dell’otre – docufilm sulla rassegna di Scapoli, a cura del Circolo della Zampogna.

Io non ho la testa – un film di Michele Lanubile e Ermanno Olmi.

Pretexto Andaluso – un film di Letizia Lamartire.

Ma che Storia… – un film di Gianfranco Pannone.

Alta Murgia, una terra strana – documentario sul Parco dell’Alta Murgia, a cura di Eugenio Manghi e Annalisa Losacco.

Le sacre pietre della Basilicata – docufilm di Gianfranco Pannone.

Storie di tarantella in Puglia – docufilm di Sina Moser e Annarita Poliseno.

Storie di Pietra  – docufilm di Michele Vicenti.

 

 

 

 

 

 

Una discografia “parallela”

Accanto alla discografia ufficiale del gruppo e alle numerose compilation autorizzate in cui compaiono brani degli Uaragniaun, esiste anche una sorta di discografia parallela all’attività della band. Dischi in cui alcuni componenti del gruppo hanno prestato la loro collaborazione. Ma anche album con brani targati Uaragniaun eseguiti da altri gruppi e musicisti. Fino addirittura a una sorta di cover band che esegue il nostro repertorio e ha inciso un album di brani nostri. Ma andiamo in ordine. Già nel lontano 1998 Maria Moramarco e Silvio Teot hanno partecipato all’album “Hata” di Rocco De Rosa (Il Manifesto Edizioni). Entrambi sono anche presenti nell’album “Innervision” del fisarmonicista basco Joxan Goikoetxea, (Aztarna Edizioni 2007). Maria inoltre ha cantato la Pizzica di Cisternino nel disco dell’organettista Massimiliano Morabito intitolato “Sende na rionette sunà” (SquiLibri Edizioni 2009). La sua voce è presente anche negli album “Trase” dei beneventani Sancto Ianne (Ethnosuoni 2013), e nel primo lavoro discografico del Mantice, un gruppo della provincia di Latina impegnato da tempo nella ricerca, nel recupero e nella reinterpretazione dei canti e delle musiche tradizionali dei Monti Lepin. L’album si intitolava “Incontri e racconti” (autoprodotto dall’Associazione Mantice, capitanata da Marco Delfino). Silvio e Nanni Teot hanno invece partecipato nel al disco “Lurra, Ur, Haize” (Aztarna Edizioni 2017) del gruppo basco Alboka. Un discorso a parte merita invece il lavoro di Antonio Dambrosio che nel suo “RE-Murgia”, (Ass. Tracce Editore 2012) propone undici brani degli Uaragniaun rivisitati in chiave jazz. Un album in cui è impegnata in alcune tracce la stessa Maria Moramarco.
Infine è curioso quanto abbiamo appreso agli inizi del 2017…

LA COVER BAND DEGLI UARAGNIAUN A NOSTRA INSAPUTA
Non lo avremmo mai immaginato ma esiste un gruppo, denominato Duo Altamura, che esegue gran parte del nostro repertorio. Praticamente tanti brani targati Uaragniaun. Molti di questi neppure noi eseguiamo dal vivo da un bel po’ di anni. Il Duo Altamura ha un sito web e, udite udite, è formato da una coppia di francesi. Sappiamo solo che lei si chiama Corinne, che hanno un sito web con un calendario ricco di concerti da farci invidia e che hanno fatto un CD nel 2016. Non avremmo mai saputo di questo Duo se non ci avessero contattato con una mail in cui ci chiedevano consigli e il nostro parere sul loro lavoro… Forse anche l’ipotesi di esibirsi ad Altamura. Che dire? E che c’è da dire?!”.
Ecco, non sapevo che altro dire. Un po’ ci inorgogliva sapere che Uaragniaun aveva partorito a sua insaputa una cover band. Ma al tempo stesso coltivavamo perplessitá su questa strana operazione dei “franzosi”. La seconda sensazione ha preso maggiore forma quando ci è arrivato il loro CD. A parte i loro nomi (senza cognomi, quasi a voler passare in incognito) e i titoli delle tracks, su quel disco non c’è riportato null’altro. Nessun riferimento agli autori e sull’origine dei brani incisi. Niente di niente. Sgradevolissima constatazione. Sono solo ingenui – abbiamo pensato – o semplicemente stronzi? Maria, un po’ piccata da tanta audacia, ha scritto una mail a questi pirati facendogli notare quanto erano stati incauti e poco rispettosi. Per tutta risposta loro hanno rivendicato una sorta di paternità su un brano rinvenuto, a loro dire, da loro stessi in quel di Potenza (?!!!). Insomma l’arroganza non ha limiti. Al che abbiamo preferito sorvolare e lasciarli perdere piuttosto che intavolare una legittima causa per violazione dei diritti d’autore. Durante il nostro mini-tour in trentino abbiamo tuttavia ascoltato il loro disco in macchina. Che dire? Non avevamo mai sentito nulla di terribilmente brutto. Praticamentei volgari rifacimenti che alimentavano ancora di più la voglia di portarli in tribunale… Sapere con precisione il nome completo dei protagonisti è stato comunque abbastanza semplice. Ci è bastato smanettare su Google. Il famigerato “Duo Altamura” è composto da tale Corinne Labrosse e tale Sidney Drouot. Morale della favola: diffidate delle cover band. Soprattutto se animate da gente senza troppi scrupoli. Meglio gli originali che le fotocopie fatte pure male.
P.S. Il loro CD si intitola “Primo passo”… Speriamo non ce ne sia un secondo!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

I cookies attivi su questo sito non memorizzano dati sensibili, ma permettono di raccogliere informazioni per migliorare la ‘user experience’ del sito da parte degli utenti, il miglioramento dei servizi web, nonché lo sviluppo di nuovi servizi connessi al sito. Questo sito utilizza Google Analytics, un servizio di analisi dei dati fornito da Google, Inc. (“Google”) al fine di migliorare la fruibilità dei servizi web e la comunicazione verso gli utenti, stimare il grado di internazionalizzazione degli utenti, promuovere le attività istituzionali parametrandole alle varie tipologie dell’utenza. Google potrebbe trasferire i dati raccolti a terzi ove imposto dalla legge. I dati sono raccolti per i soli fini istituzionali e non verranno mai ceduti a fini commerciali. Per maggiori informazioni, si veda http://www.google.it/analytics/terms/it.html

Cookies active in this website do not record personal data. However, they allow the collection of information to improve the ‘user experience’ of the website by the users, the enhancement of the web services and the development of new services connected with the website. This website uses Google Analytics that is a data analysis service provided by Google, Inc. (“Google”) to improve the usability of web services and the communications with users, to evaluate the level of internationalization of users, to promote institutional activities according to the various communication target groups. Google may transfer the collected data to third parties, if required by law. Data are collected for institutional purposes only and shall never be transferred for commercial purposes. For further information see http://www.google.it/analytics/terms/it.html

Chiudi