“Primitivo”: recensione Folk Bullettin di Alessandro Nobis

Se state cercando un disco che esplori, analizzi e riporti alla luce una piccola parte del patrimonio culturale di una piccola parte d’Italia, questo “Primitivo” fa decisamente al caso vostro. Maria Moramarco, Luigi Bolognese e Silvio Teot ancora una volta hanno contribuito a realizzare quanto detto poc’anzi: parliamo della Murgia Barese e degli Uaragniaun, uno dei più rigorosi e splendidi esempi di quanto il nostro territorio possa offrire dal punto di vista della musica tradizionale – e della cultura popolare naturalmente -.

Nuovo disco quindi, per il quale il gruppo di Altamura ha sì invitato numerosi ospiti, ma è anche riuscito a realizzare l’idea di mantenere un suono semplice, cercando – e riuscendo magnificamente – a riportare alla luce parte del patrimonio orale raccolto negli anni Ottanta da Maria Moramarco, splendida cantante e puntigliosa ricercatrice sul campo.

Ecco che quindi a frammenti di registrazioni originali troviamo – tra gli altri – la zampogna di Nico Berardi, la cristallina arpa di Vincenzo Zitello, il bandoneon di Daniele Di Bonaventura, l’organetto di Alessandro Pipino, il violino di Filippo Giordano, la tromba di Nanni Teot ed i plettri di Michele Bolognese. E’ questo un disco – come i precedenti – ben studiato a tavolino e realizzato nel migliore dei modi, e se come sempre vogliamo segnalarvi qualchebrano che più ci ha colpito, ecco allora “La Furnesì” (“L’ossessione”), lo strumentale “Racioppe” ed in fine “Giardenirre” (“Il Giardiniere”), a proposito del quale vi racconto che nel veronese, a mille chilometri da Altamura, è stato raccolto dal Canzoniere Veronese un canto molto simile, “Cara mama io muoio io muoio” con un ortolano in luogo del giardiniere, una meno poetica zucchina al posto del garofano, una mamma e la figlia con la stessa malattia, la malattia dell’amore. Strane coincidenze della cultura popolare.

Alessandro Nobis

UARAGNIAUN “Primitivo” (2015)

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

I cookies attivi su questo sito non memorizzano dati sensibili, ma permettono di raccogliere informazioni per migliorare la ‘user experience’ del sito da parte degli utenti, il miglioramento dei servizi web, nonché lo sviluppo di nuovi servizi connessi al sito. Questo sito utilizza Google Analytics, un servizio di analisi dei dati fornito da Google, Inc. (“Google”) al fine di migliorare la fruibilità dei servizi web e la comunicazione verso gli utenti, stimare il grado di internazionalizzazione degli utenti, promuovere le attività istituzionali parametrandole alle varie tipologie dell’utenza. Google potrebbe trasferire i dati raccolti a terzi ove imposto dalla legge. I dati sono raccolti per i soli fini istituzionali e non verranno mai ceduti a fini commerciali. Per maggiori informazioni, si veda http://www.google.it/analytics/terms/it.html

Cookies active in this website do not record personal data. However, they allow the collection of information to improve the ‘user experience’ of the website by the users, the enhancement of the web services and the development of new services connected with the website. This website uses Google Analytics that is a data analysis service provided by Google, Inc. (“Google”) to improve the usability of web services and the communications with users, to evaluate the level of internationalization of users, to promote institutional activities according to the various communication target groups. Google may transfer the collected data to third parties, if required by law. Data are collected for institutional purposes only and shall never be transferred for commercial purposes. For further information see http://www.google.it/analytics/terms/it.html

Chiudi