Lamalunga - Live

Lamalunga live

(P) Associazione Piazza Altamura & Officina
CDP07 – 2009 – © Uaragniaun

18,00 Acquista

copertina-lamalunga

 

Ascolta “Mannammille”

 

Ascolta “Pizzica finale”

 

CD 1

01 – ZE MONECARILLE 5:20
02 – LA PEJTE DU UARAGNIAUN / SINE SINE 6:42
03 – QUANDE JÈ BELLE 3:00
04 – I MO ME NE IBBE 3:21
05 – CUMMÀ MARIE 3:28
06 – VOLA VOLA 3:25
07 – PASTORALE 3:34
08 – DIAVULE DIAVULE 4:10
09 – MATENEITE 4:37
10 – LA CIALLEDDE 2:06
11 – QUANNE SAND’ANNA 3:30
12 – PIZZICA PIZZICA DI CISTERNINO 3:44
13 – MANNAMMILLE 2:51
14 – MO NE SCEIME ALL’ACQUE
15 – STORNELLI 5:39
16 – GABON KANTAK / ‘NTA NA ROTTE 4:27
17 – U TRAJENIRRE 2:22
18 – SI NERA NERA 10:11

01, 02, 04, 05, 07, 08, 14, 15, 17, 18 (P) Officina & Piazza Edizioni. © Uaragniaun
03, 06, 09, 10, 11, 13, 16, (P) Felmay 2007. © Uaragniaun
12 © squi[libri] 2008

CD 2

01 – NENIA 2:49
02 – SOBBA NA LUGGETTE 4:43
03 – NA ROSA 5:45
04 – TE SO VENUTE A CANTÀ 3:12
05 – SANDA LUCÌ 4:22
06 – TARANTELLA DEL ‘600 2:30
07 – NICOLA MORRA IERRE 4:09
08 – 21 FIORILE 1799 5:56
09 – MADONNA QUANT’È JERTE 4:43
10 – U PASTAURE 3:46
11 – MANNAMMILLE (variante) 4:15
12 – ADDAU JÈ 4:07
13 – TARANTELLA DEL GARGANO 4:45
14 – ARKU DANSA 4:29
15 – CANTO ALLA ‘UTTERA 3:42
16 – SONA BELLA VIVA 4:18
17 – IOSCE JÈ LU SABETE 3:58
18 – PIZZICA FINALE 6:57

01, 04, 06, 13, 14, 15, 16, 18 (P) Officina & Piazza Edizioni 2008. © Uaragniaun
02, 03, 05, 07, 08, 09, 10, 11, 12, 17 (P) Felmay 2007. © Uaragniaun

 

MARIA MORAMARCO: voce (in tutti i brani cantati), chitarra acustica (CD 1 traccia 04).

LUIGI BOLOGNESE: chitarra classica (CD 1 tracce 02, 03, 05, 09, 14, 17; CD 2 tracce 03, 05, 06, 08, 10, 14, 18); chitarra acustica (CD 1 tracce 06, 08, 10, 16, 18; CD 2 tracce 04, 07, 09, 13, 16); mandoloncello (CD 1 tracce 01, 11, 15, 17; CD 2 tracce 02, 09, 11 ), bouzouki (CD 1 traccia 04). baglama (CD 2 traccia 12).

SILVIO TEOT: drum set & shakers (CD 1 tracce 03, 04, 06, 08, 09, 10, 11, CD 2 tracce 01, 02, 03, 05, 07, 08, 10, 11, 12, 14); tammorre (CD 1 tracce 01, 02, 08, 15, 18; CD 2 tracce 04, 06, 09, 16, 189; darbouka (CD 1 tracce 04, 06, 11, 16; CD 2 tracce 02, 07, 08. 11, 12, 14); flato traverso (CD 1 traccia 14, CD 2 traccia 08), low whistle (CD 1 traccia 04), voce (CD 1 traccia 08; CD 2 traccia 09).

NICO BERARDI: zampogna (CD 1 tracce 07, 15; CD 2 tracce 11, 16); charango (CD 1 tracce 02, 03, 08, 10; CD 2 traccia 10); quena (CD 1 tracce 01, 11, 14, 17; CD 2 tracce 06, 08, 13, 18); clarinettino (CD 1 traccia 18; CD 2 tracce 08, 14); ciaramella (CD 1 traccia 02); chitarra classica (CD 1 traccia 04; CD 2 traccia 04); sikus (CD 1 tracce 09, 11; CD 2 traccia 09).

FILIPPO GIORDANO: violino (CD 1 tracce 01, 02, 03, 04, 05, 06, 08, 09, 10, 11, 13, 14, 16, 17, 18; CD 2 tracce 02, 03, 04, 05, 06, 07, 08, 09, 10, 11, 13, 14, 17, 18).

GIANNI CALIA: sax soprano (CD 1 tracce 02, 04, 05, 10, 16, 18; CD 2 tracce 02, 03, 05, 07, 09, 12).

RICCARDO TESI: organetto (Cd 1 tracce 06, 09, 18; CD 2 tracce 02, 03, 05, 09, 12, 18).

BALEN LOPEZ DE MUNAIN: chitarra classica (CD 1 tracce 09, 13, 16, 18; CD 2 tracce 05, 07, 09, 12, 18).

JOXAN GOIKOETXEA: fisarmonica (CD 1 tracce 13, 16, 17, 18; CD 2 tracce 09, 17, 18).

RAFFAELE LIVRIERI: clarinetto basso (CD 1 traccia 10).

Le tracce 01, 02, 05, 06, 07, 09, 10, 13, 16, 17, 18 del CD 1 e le tracce 02, 03, 05, 07, 09, 12, 17, 18 del CD 2 sono state registrate da Massimo Stano durante il concerto per la rassegna “Suoni della Murgia 2007”, tenuto nella contrada Lamalunga di Altamura (Ba). Per l’occasione Uaragniaun aveva presentato in anteprima l’album “U diavule e l’acqua sande” con tutti i musicisti che avevano contribuito alla realizzazione del nuovo disco: ospiti d’eccezione Riccardo Tesi, Balen Lopez de Munain e Joxan Goikoetxea.
Le tracce 04 del CD 1 e le tracce 04, 06, 10 del CD 2 provengono dal concerto tenuto a Calimera (Le) nell’agosto 2008 per la rassegna “La Notte della Taranta”.
Le tracce 03, 08, 11 del CD 1 e le tracce 11, 13 del CD 2 sono tratte dal concerto che il gruppo ha tenuto a Loano (Sv) nel luglio 2008 per la rassegna “Premio Nazionale Città di Loano”.
Le tracce 08 e 14 del CD 2 sono tratte dal concerto tenuto a Trento il 29 giugno 2007 per la rassegna “Itinerari Folk”.
La traccia 14 del CD 1 proviene dal concerto tenuto nel luglio 2006 a Verona presso la Corte Molon per la 10° Edizione della rassegna “Concerti Scaligeri”.
La traccia 15 del CD 1 è stata registrata a Civitella Alfedena (Aq), durante il concerto tenuto dal gruppo nell’agosto 2006 per la “Notte del tamburo” al Civitella Folk Festival.
La traccia 16 del CD 2 è stata registrata in Francia durante lo spettacolo che Uaragniaun ha tenuto a Aigues-Mortes nel lontano 2001.
La traccia 01 del CD 1 è tratta dal concerto a Roccaforte (Rc) tenuto il 13 agosto 2008 dagli Uaragniaun per la rassegna “Paleariza Folk Festival”.

I brani registrati in studio

“CANTO ALLA ‘UTTERA”
Il brano “Canto alla ‘uttera” è una versione inedita di un antico canto di tradizione laziale nell’interpretazione degli Uaragniaun. Arrangiamento di Luigi Bolognese e Silvio Teot.
Maria Moramarco: voce.
Luigi Bolognese: mandoloncello, chitarra classica, chitarra basso acustica.
Silvio Teot: darbouka, tammorra, shakers, flauto dritto, sikus.
Registrato e missato da Massimo Stano allo Studio Mediterraneo di Santeramo in Colle. (P) Officina & Piazza Edizioni, © Uaragniaun.

“PIZZICA PIZZICA DI CISTERNINO”
Tratto dal CD “Sende na rionette sunà” (Ediz. squi[libri] ) di Massimiliano Morabito che ha scandagliato le antiche pizziche delle province di Brindisi, Taranto e Lecce. In questa pizzica Massimiliano ha voluto che ad interpretarla vocalmente fosse Maria.
Maria Moramarco: voce.
Massimiliano Morabito: organetto.
Attilio Turrisi: chitarra battente.
Piero Balsamo: coro, tamburello e castagnola.
Gianni Gelao: ciaramella.
Tradizionale; arrangiamento di Massimiliano Morabito.
Registrato e missato da Valerio Daniele presso Chora Studi Musicali a Monteroni di Lecce. Per gentile concessione di squi[libri]. © squi[libri] 2008.

Un grazie a tutti coloro che in tanti anni di concerti e spettacoli ci hanno seguito con passione spronandoci a continuare il nostro lungo viaggio nella musica popolare, arricchendoci di suggerimenti e coprendoci di affetto. Un grazie a Giuseppe Panetti, abituale fonico dei nostri concerti, e ai tanti altri tecnici del suono – a quelli più bravi ma anche ai più sciagurati – che abbiamo incrociato sui mille palchi che abbiamo pestato e che ci hanno permesso di far sentire la nostra musica. Un grazie particolare agli amici, ai compagni e ai tanti musicisti che ci hanno onorato della loro stima e della loro collaborazione: Pino Colonna, Otello Profazio, Carlo Cardinale, Mauro Squillante, Onofrio Pepe, Marietta Cristallo, Sergio Torsello, Davide Castiglia, Daniele Durante, Antonietta Caccia, Beppe Montresor, Alessandro Nobis, Ciro De Rosa, Gianni Principe, Pietro Carfì, Goffredo Degli Esposti, Erasmo Treglia, Ermanno Olmi, Michele La Nubile, Gastone Petrucci, Roberto Tombesi, Jean Blanchard, Guido Festinese, Silvia Holzinger, Luigi Lai, Peter Haas, Francesco Patruno, Renato Borghetti, Claudia Ferronato, Antonio Colaruotolo, Gabriele Coltri, Antonio Critelli, Piero Ricci, Francesco Ganassin, Cinzia Villani, Piero De Asmundis, Francesco Avesani, Onofrio Arpino, Stefano “Ciuma” Delvecchio, Giancarlo Tombesi, Paolo Vidaich, Roberto Sacchi, Gerardo Ferrara, Janos Hasur, Enza Pagliara, Le Faraualla, Beppe Greppi, Linda Cascella, Dominique Molard, Rossella Squicciarini, Silvio Trotta, Pino Minafra, Antonella Nuzzi, Pietro Basentini, Veronica Febbi, Alessandro Pipino, Patrizia Fazio, Canio Loguercio, Carlo Muratori, Renzo Pognant, Fabio Perinei, Elena Ledda, Gilles Le Bigot, Massimiliano Morabito, Youenn Le Bihan, Massimo La Zazzera, Tonio Desantis, Josean Martín Zarkok, Tonino Dambrosio, Mauro Gioielli, Johann Riche, Nicolas Pautras, Lino e Enzo Miniscalco, Antonio Da Costa, Ivana Rufo, Gianbattista Vico, Michele Micunco, Lino Cannavacciuolo, Balen Lopez de Munain, Riccardo Tesi, Bernard Le Drèau, Daniele Sepe, Claudio Carboni, Mauro e Nicola Odorizi, Caterina Bono, Takis Kunelis, Mario Salvi, Joan Baudoin, Ettore Castagna, Rocco De Rosa, Danilo Gatto, Nello Giudice, Marcello e Mario De Dominicis, Klarisa Jovanovic, Sandro Franchini, Emanuele Licci, Maurizio Geri, Joxan Goikoetxea, Nanni Teot, Michele Bolognese, Osvaldo Laviosa, Marco Delfino, Tiziana Spini, Ambrogio Sparagna, Andrew Alamango, Massimo Ferrante, Ruben Zhara, Gianni Loiudice, Sandro Pippa, Giuseppe Detrizio, Michele Difonzo, Juan Ezeizak, Roberto Caroppo, Giampiero Cignani, Gigi Bresciani, Bianca Tragni, Enzo e Lorenzo Mancuso, Eufemia Mascolo, Niko Papakosta, Giuseppe Volpe, Orlando D’Achille, Paolo Incollingo, Laura Perazzotti, Gianni Netto, Roberto Licci, Antonello Paliotti, Gianni Saponaro, Antonio Stornaiolo, Giuseppe Trabace, Arcangela Vicenti, Vito Denora, Franco Ferrulli, Alfredo Cornacchia, Luigi Chiriatti, Franca Tarantino, Nino Perrone, Peppino Dambrosio, Tommaso Cardano, Ninì Marvulli, Antonio Cornacchia, Vita Crapuzzi, Romano Maletik, Michele Cannito, Pasquale Laino, Angelo Stano, Davide Torrente, Francesco Attolini, Ernest Carracillo, Luigi Piciocchi, Christopher Sblendorio, Nicola Fiorino, Michele Lorusso, Gaby Ryffel, Pino D’Alessandro, Michele Saponaro, Antonio Ferrante, Lidia Dottore, Jessica Lombardi, Giacinto Calculli, Pasquale Sardone, Maria Rosaria Galetta, Donato Creanza, Rino Pupillo, Arcangelo Popolizio, Pino Basile, Nicola Chironna, Paolo Lorusso, Bartolo Giorgio, Michele Lospalluto, Tonino Natale, Giacomo Dimarno… e i tanti che ci perdoneranno di non averli citati.
Una dedica particolare al carissimo e indimenticabile Pasquale Trivigno.

 

Un live quasi arcaico…

Un disco live era nei nostri pensieri già da diverso tempo. Volevamo però fare un disco che potesse rappresentare al meglio il percorso musicale che ci ha ispirati negli ultimi vent’anni. Che raccogliesse insomma i brani che hanno caratterizzato la nostra produzione discografica fin dal primo vinile del 1990. Inizialmente pensavamo che bastasse semplicemente registrare per bene un nostro concerto e proporlo in CD. Ma ciò significava ritrovarci a presentare un repertorio limitato di brani, frutto di uno spettacolo di circostanza e comunque non rappresentativo della nostra attività concertistica. Si poteva allora fare un concerto finalizzato al disco live… Ma anche questa soluzione ci appariva assai impersonale, priva di quel contorno emotivo che solo un evento vero sa dare. E allora abbiamo provato a registrare l’evento di Lamalunga: il concerto tenuto per la rassegna “Suoni della Murgia” nell’agosto del 2007. In quello spettacolo presentavamo in anteprima il CD “U diavule e l’acqua sande” – il nostro ultimo lavoro in studio – e lo facevamo con gli stessi musicisti che avevano partecipato a quel progetto discografico. Compreso gli ospiti. C’era infatti Riccardo Tesi e c’erano i baschi Balen Lopez de Munain e Joxan Goikoetxea, insieme a quei musicisti, come Nico Berardi e Filippo Giordano, che stabilmente ci accompagnano nel progetto Uaragniaun. Il risultato era eccellente. Un’ottima registrazione che tuttavia aveva il limite di essere solo la versione live dell’ultimo disco e non conteneva tanti altri classici del nostro repertorio, nelle versioni riarrangiate per essere presentate dal vivo. Sapevamo, inoltre, che era necessario proporre quello che Uaragniaun era in grado di fare dal vivo con l’organico di base, con la formula della formazione a quintetto, che è stata quella con la quale siamo stati presenti in innumerevoli rassegne e festival in Italia e all’estero. E allora si è pensato di compilare questo lavoro live con brani registrati in più occasioni. Abbiamo pertanto utilizzato registrazioni di vari concerti e… pazienza se non erano in multi-traccia ma in traccia unica a presa diretta. Solo a Lamalunga abbiamo potuto registrato in multi-traccia ed è stato possibile rivedere almeno un minimo di equalizzazione. Per il resto si tratta di registrazioni in cui i suoni sono gli stessi che arrivavano al pubblico presente ai concerti, con i pregi e i difetti di un vero spettacolo dal vivo. In definitiva abbiamo ottenuto proprio quello che volevamo: un disco live vero, senza ritocchi o aggiustamenti in studio. Andando un po’ fuori tendenza – in un periodo in cui la tecnologia permette di produrre dischi live assolutamente perfetti, edulcorati e riaggiustati in post produzione – noi abbiamo volutamente scelto di presentarci così come siamo realmente nelle situazioni “dal vivo”. L’unico arbitrio che ci siamo concessi è stato quello di scegliere gli eventi da cui ricavare i brani che compongono questa sorta di antologia live del progetto Uaragniaun. Oltre alle registrazioni di Lamalunga sono infatti presenti in questo lavoro alcune esecuzioni tratte dagli spettacoli tenuti per le rassegne “La Notte della Taranta” a Calimera, il “Premio Nazionale Città di Loano” in Liguria, “Itinerari Folk” di Trento, i “Concerti Scaligeri” di Verona, la “Notte del Tamburo” di Civitella Alfedena, il “Paleariza Folk Festival” a Roccaforte di Calabria e, infine, il “Festival des Nuits d’Encens” ad Aigues-Mortes in Francia. Completano questo lavoro due brani realizzati in studio: l’inedito “Canto alla ‘uttera” e la “Pizzica Pizzica di Cisternino” che Maria Moramarco ha interpretato per il nostro amico Massimiliano Morabito. Il risultato finale è ora alla portata delle vostre orecchie e del vostro giudizio. Lo abbiamo intitolato Lamalunga – come la contrada dove abbiamo tenuto il concerto del 2007 – perchè in quel luogo, sotto i nostri piedi, nelle viscere del sottosuolo murgiano – fu fatta una scoperta straordinaria: i resti di un uomo vissuto almeno 200.000 anni fa. Lo scheletro integro di un abitatore di quelle terre che hanno ispirato gli antichi canti della Murgia.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

I cookies attivi su questo sito non memorizzano dati sensibili, ma permettono di raccogliere informazioni per migliorare la ‘user experience’ del sito da parte degli utenti, il miglioramento dei servizi web, nonché lo sviluppo di nuovi servizi connessi al sito. Questo sito utilizza Google Analytics, un servizio di analisi dei dati fornito da Google, Inc. (“Google”) al fine di migliorare la fruibilità dei servizi web e la comunicazione verso gli utenti, stimare il grado di internazionalizzazione degli utenti, promuovere le attività istituzionali parametrandole alle varie tipologie dell’utenza. Google potrebbe trasferire i dati raccolti a terzi ove imposto dalla legge. I dati sono raccolti per i soli fini istituzionali e non verranno mai ceduti a fini commerciali. Per maggiori informazioni, si veda http://www.google.it/analytics/terms/it.html

Cookies active in this website do not record personal data. However, they allow the collection of information to improve the ‘user experience’ of the website by the users, the enhancement of the web services and the development of new services connected with the website. This website uses Google Analytics that is a data analysis service provided by Google, Inc. (“Google”) to improve the usability of web services and the communications with users, to evaluate the level of internationalization of users, to promote institutional activities according to the various communication target groups. Google may transfer the collected data to third parties, if required by law. Data are collected for institutional purposes only and shall never be transferred for commercial purposes. For further information see http://www.google.it/analytics/terms/it.html

Chiudi